Sign In Forgot Password

OFER LELLOUCHE per le vittime di Meina

13/02/2022 01:18:47 PM

Feb13

 

Domenica 13 febbraio 2022 è stata inaugurata sul Lungolago di Meina una monumentale e intensa scultura di Ofer Lellouche, in memoria delle vittime dell’eccidio di Meina perpetrato nel settembre 1943.

Ringraziamo il Comune di Meina e tutte le istituzioni che hanno reso possibile quest’opera, lo scultore Ofer LelloucheRossana Ottolenghi, figlia di Beki Behar, testimone sopravvissuta all’eccidio e le numerose persone e associazioni che sono intervenute.

È stato toccante vedere una così larga partecipazione anche da parte di Lev Chadash a testimoniare e perpetuare l’imperativo Zachòr.

NEWS dalla FIEP

06/02/2022 01:04:29 PM

Feb6

Lev Chadash si complimenta con Carlo Jossef Riva e Ben Fantini, che domenica scorsa sono stati eletti rispettivamente Presidente e Segretario della FIEP-Federazione Italiana per l’Ebraismo Progressivo.

Auguriamo loro buon lavoro!


Lev Chadash

LE DONNE NELLA SHOAH

26/01/2022 07:30:47 PM

Jan26

 

Bruna Bertolo, Le Donne nella Shoah, SusaLibri, 2022.

Nel libro si parla anche di Becky Behar, madre della nostra cara Rossana, e dell'eccidio perpertato a Meina nel 1943.

---

'Un libro che racconta alcuni momenti del pozzo più nero e profondo del nostro '900: la Shoah. E lo fa attraverso una storia forse meno conosciuta, la deportazione femminile. Uomini e donne furono ugualmente sommersi, ma le donne subirono violenze che le depredarono anche della loro femminilità. Bruna Bertolo parte dalle leggi razziali del 1938 per spiegare il clima di emarginazione che crebbe nei confronti degli ebrei. Racconta le feroci stragi del Lago Maggiore, sottolineando soprattutto alcuni personaggi femminili. Ricorda la grande razzia degli ebrei nel ghetto di Roma e l'unica donna sopravvissuta, Settimia Spizzichino. Evidenzia le prime testimonianze femminili con gli scritti di Luciana Nissim, Giuliana Tedeschi, Liana Millu, Frida Misul, Alba Valech. Termina con le "Voci di oggi": Edith Bruck, Goti Bauer e Liliana Segre. Nella prefazione del volume di Liana Millu, Il fumo di Birkenau, parlando delle donne rinchiuse in questo Lager, Primo Levi scrisse: "La loro condizione era assai peggiore di quella degli uomini e ciò per vari motivi: la minore resistenza fisica di fronte a lavori più pesanti e umilianti di quelli inflitti agli uomini; il tormento degli affetti familiari; la presenza ossessiva dei crematori, le cui ciminiere, situate nel bel mezzo del campo femminile, non eludibili, non negabili, corrompono col loro fumo empio i giorni e le notti, i momenti di tregua e di illusione, i sogni e le timide speranze".'

Vaccini e salute pubblica – Pikuach Nefesh

09/01/2022 11:01:39 AM

Jan9

rav Sylvia Rothschild

Quando mia madre diceva alla mia nipotina di non uscire dal cancello mentre giocava in giardino, mia nipote opponeva resistenza, e, come aveva imparato nella sua scuola elementare ebraica ortodossa, diceva: "il Dio di Israele mi proteggerà". Poteva lasciare il giardino e mettersi tranquillamente in strada. Quando mia madre le spiegava che il Dio d'Israele la stava usando come agente protettivo per vegliare sulla sua sicurezza, lei accettava con riluttanza di rimanere nel giardino.

Penso a questa storia ogni volta che mi imbatto in ebrei che rifiutano gli interventi medici a causa della "volontà di Dio", e quando sento la frase "pikuach nefesh" usata come risposta. Nonostante siamo abituati a tradurre la frase come "salvare una vita", il suo significato principale è "vegliare o sorvegliare una persona". Il nostro obbligo nei confronti degli altri è di prenderci cura di loro, assicurandoci che non siano in pericolo.

Mia nipote, disillusa all'idea che Dio l'avrebbe sempre protetta, è cresciuta consapevole dell'obbligo ebraico di prendersi cura l'uno dell'altro, che "prendersi cura" dell'altro è responsabilità di tutti nella società. Prendersi cura dell'altro significa prendere sul serio la salute pubblica, piuttosto che permettere a ciascuno di prendere una singola decisione che potrebbe avere conseguenze dannose per gli altri. Significa non aspettarsi che Dio intervenga per aiutarci, ma essere noi stessi l'agente di protezione, proteggendo noi stessi e gli altri.

La storia ci ha mostrato che versetti biblici come "Chi osserva le mitzvot non conoscerà alcun male" (Ecc 8:5) non possono essere intesi alla lettera, che la fede in Dio non è foriera di sopravvivenza e che il tipo di pietà che si aspetta la divina protezione come ricompensa per la devozione acritica è, nella migliore delle ipotesi, fuorviante. Dal Talmud in poi l'idea che un medico possa guarire anche ciò che Dio ha causato è intessuta nei nostri testi. Guarire diventa un obbligo religioso, prevenire il pericolo e la malattia diventa un dovere.

Recentemente il mondo haredi è stato in subbuglio quando un eminente rabbino ha sostenuto la vaccinazione dei bambini contro il Covid. Ha ricevuto minacce di morte, è stato chiamato "Amalek" il cui nome deve essere cancellato, accusato di omicidio dalla sua stessa comunità, presumibilmente in nome di Dio.

L’ebraismo progressivo non insegna che la malattia è volontà di Dio né che solo gli immeritevoli soccombono. La fede non preserva, la malattia non è un giudizio, ognuno di noi deve stare attento agli altri. La vaccinazione ci protegge tutti. È una mitzvà. Fatela.

Traduzione dall’inglese di Eva Mangialajo Rantzer

versione inglese

ZIVA HALLER RUBENSTEIN DIRETTRICE DELLA DIVISIONE RELAZIONI ISRAELE-DIASPORA DELL'IMPJ

06/10/2021 11:00:39 PM

Oct6

 

Ziva Haller Rubenstein è entrata a far parte del team dell'Israel Reform Progressive Movement come direttrice della divisione Relazioni Israele-Diaspora, incluso il progetto di partnership Domim. 

Ziva si è trasferita in Israele nel 2000 dopo essersi laureata in storia dell'arte al Barnard College, Columbia University, e conseguito la laurea specialistica nella stessa materia alla Tufts University.

Ziva ha lavorato all'Agenzia Ebraica per molti anni nel dipartimento dello Sviluppo.

Più recentemente, Ziva ha guidato gli sforzi di marketing e comunicazione per la Wupj, lavorando con la leadership laica e professionale nelle sette regioni del Movimento Riformato globale.

Molto attiva nel volontariato, Ziva fa parte del consiglio di Kehillat YOZMA a Modi'in, dove vive con il suo compagno, Harry, e i suoi tre figli, Tzofia, Einav e Koby.

Photo (c) Courtesy of Dale Lazar

AUGURI dal Dott. Nachman Shai, Ministro degli Affari della Diaspora

03/09/2021 08:53:16 AM

Sep3

2 settembre 2021


Cari amici e partner,


Mentre ci avviciniamo al nuovo anno ebraico, vorrei cogliere l'occasione per ringraziarvi per la vostra collaborazione e amicizia ed esprimere il mio desiderio di rafforzare e fare evolvere il nostro lavoro condiviso, nel prossimo anno.


Il nuovo anno è destinato a essere un anno di crescita e innovazione significative per il Ministero degli Affari della Diaspora. Il nostro obiettivo è essere un luogo aperto e impegnato verso l'intero spettro del popolo ebraico. In questo spirito, il Ministero sta dando il via a una sezione che riguarderà l' "ebraismo progressivo", la prima nel suo genere, per garantire che il nostro impegno con l'ebraismo mondiale sia tanto ampio quanto profondo. Ci impegniamo a portare avanti il  Compromesso del Muro Occidentale come passo fondamentale per mantenere lo Stato ebraico come un luogo che dia spazio e voce a tutti gli ebrei. Inoltre, stiamo ripensando e affinando il nostro lavoro nella costruzione dell'identità ebraica attraverso il nostro investimento nell'istruzione formale e informale. Questi sforzi aiuteranno a garantire che i singoli ebrei abbiano opportunità in ogni fase di connettersi ed essere ispirati da Israele e dall'esperienza ebraica. Attendiamo con impazienza il vostro feedback mentre intraprendiamo insieme queste ambiziose iniziative.


Mentre pensiamo al prossimo anno, ricordiamo che le nostre sfide collettive in corso, come popolo ebraico, dal crescente antisemitismo, alla crescente tensione comunitaria, alla pandemia, evidenziano quanto tutte le nostre comunità siano interconnesse. Ma la nostra relazione deve andare oltre le nostre sfide condivise. Invece, dobbiamo costruire ancora una volta una base fondata sul credere l'uno nell'altro e nel nostro futuro condiviso. Rimane il nostro compito centrale: costruire esperienze ebraiche di cui i nostri giovani desiderino far parte sulla base di valori comuni e ideali futuri che migliorino il nostro popolo e il mondo in generale.


Possa il 5782 portarci nuove opportunità per costruire insieme questo futuro degno. Auguro a voi, alle vostre famiglie e comunità un felice, sano e dolce anno nuovo.

Dott. Nachman Shai
Ministro degli Affari della Diaspora
 

 

NEWS dal LBC - Friday Morning Prayer

21/05/2021 07:21:55 AM

May21

La rabbina preside del Leo Baeck College, la dottoressa Deborah Kahn-Harris e i membri della facoltà, il dottor Keith Kahn-Harris, la professoressa Melissa Raphael e il dottor Jeremy Schonfield, si sono uniti ai rabbini dei movimenti riformisti, liberali e Masorti questa settimana alla più grande conferenza ebraica progressista del mondo - WUPJ Connections 2021 - rivolgendosi a partecipanti da più di 50 paesi a un evento online rivoluzionario.

Il tema di quest'anno è 'Affrontare insieme il nostro futuro ebraico'. Gli studenti del LBC - i futuri rabbini della comunità - sono stati quindi lieti di partecipare registrando un servizio di shacharit nei giorni feriali per venerdì mattina, incluso un passaggio di studio scelto appositamente per questa settimana.

Puoi guardare la registrazione (e pregare insieme a casa) qui https://youtu.be/RTooB7FvcHA, usando il siddur del movimento riformista: https://www.reformjudaism.org.uk/online-siddur/

 

FIEP: ELENCO DEI RABBINI DELLE COMUNITÀ PROGRESSIVE ITALIANE

28/04/2021 05:36:38 PM

Apr28

 

Ecco la lettera di FIEP che elenca quali sono i rabbini impiegati dalle comunità italiane affiliate alla Federazione Italiana per l’Ebraismo Progressivo (FIEP) e che stanno attivamente sostenendo l’attività in Italia della European Rabbinical Assembly (ERA) e della European Union for Progressive Judaism (EUPJ).

Ognuno di questi rabbini è un membro di ERA. 

Né EUPJ né ERA hanno approvato o nominato alcun altro rabbino per rappresentare o supportare l’Ebraismo Progressivo in Italia, e nessun altro rabbino può rivendicare di rappresentare il movimento Ebraico Progressivo in Italia e, di conseguenza, gli atti in campo religioso rivendicati da altre persone o studiosi di ebraismo non hanno nessuna autorità o validità per EUPJ ed ERA.

>>> leggi la lettera in italiano

>>> leggi la lettera in inglese

Martina Loreggian a Radio 3

24/04/2021 09:11:05 PM

Apr24

La studentessa rabbina Martina Yehudit Loreggian a ‘Uomini e profeti’ su Radio 3 parla di "Shtisel" con Felice Cimatti, Enrico Magrelli, Davide Assael 

>>> ascolta la trasmissione

 

‘La serie Netflix israeliana "Shtisel" che racconta le vicende di una famiglia di ebrei ortodossi Haredi, non soltanto è diventata un successo televisivo del tutto inaspettato, soprattutto ha messo in luce un bisogno diffuso di identità e tradizione forse non del tutto prevedibile.
Perché i cittadini di un mondo globale e "fluido" sono così attratti dalle vite di persone che invece sembrano vivere in modo così radicalmente inattuale.
Quanto bisogno di sacro c'è (ma c'è?), o almeno di rappresentazione di sacro , nel nostro tempo?
Ne parliamo con il critico cinematografico Enrico Magrelli , con Martina  Loreggian, insegnante in Sinagoghe riformate italiane, studentessa nella scuola rabbinica di Londra e il filosofo Davide Assael intervistato da Benedetta Caldarulo.'

Giornata in memoria delle vittime del Covid-19

23/03/2021 04:35:49 PM

Mar23

rav Sylvia Rothschild

23 marzo* – giornata nazionale di riflessione nell’anniversario del lockdown in Gran Bretagna, ricordiamo tutti coloro che hanno perso la vita con il Covid 19

postato da rav Sylvia Rothschild, il 23 marzo 2021

Un anno intero di lockdown è passato e più di centoventiseimila persone nel Regno Unito (più di centocinquemila in Italia, ndt) hanno perso la vita a causa del Covid 19. Siamo in lutto per ogni persona; con la loro morte piangiamo per tutta la gioia e la saggezza, il calore e l'amore che sono venuti a mancare dal nostro mondo.

Poco più di un anno fa le nostre esistenze sono state sconvolte dalla notizia del Coronavirus, le nostre relazioni e le nostre vite ne sono state destabilizzate mentre la paura si è insinuata nei nostri momenti di veglia e l'ansia ha colorato i nostri sogni. Siamo in lutto per il mondo che conoscevamo; per le facili strette di mano e gli abbracci; per la libertà di andare ovunque avessimo bisogno, direttamente e senza paura.

Nell'ultimo anno abbiamo appreso della nostra mortalità, di quanto la vita sia fragile e di quanto facilmente possa andarsene da noi. Alcuni di noi hanno sperimentato una grave malattia e sono guariti, altri continuano a soffrire; alcuni di noi hanno visto una persona cara soffrire senza essere in grado di stargli vicino, o stanno vivendo con la consapevolezza di essere morti da soli, confortati non dalla famiglia o dagli amici, ma da estranei premurosi.

Mentre ricordiamo coloro la cui vita è stata crudelmente interrotta da questo virus, i nostri sentimenti fluiscono e cambiano, avanzano e arretrano. Siamo tagliati fuori dal conforto dello stare insieme, dalle strette di mano e dalla condivisione degli sguardi, dai rituali del salutare come si deve.

Ma mentre ognuno di noi può piangere da solo, condividiamo anche il nostro dolore. Il sentiero solitario che stiamo percorrendo è stato calcato da tanti altri che camminano accanto a noi, anche se non li vediamo e non possiamo toccarli, stiamo ricordando e soffrendo insieme. In tutto il mondo, e vicino a casa, le persone stanno condividendo il viaggio. Connessione, aiuto e supporto amorevole sono più vicini di quanto pensiate.

* in Italia il 18 marzo (ndt)

Traduzione di Eva Mangialajo Rantzer


23rd March – A National Day of Reflection on the anniversary of the UK lockdown, and we remember all those who lost their lives to Covid 19

Posted on march 23, 2021

A full year of lockdown has passed and more than one hundred and twenty six thousand people in the UK are recorded as having lost their lives to Covid 19. We grieve every person; we mourn for all the joy and wisdom, warmth and love that has left our world with their deaths.

A little more than a year ago our world was upended with news of the coronavirus, our relationships and our lives destabilised as fear crept into our waking moments and anxiety coloured our dreams. We are grieving for the world we knew; for the easy handshakes and hugs; for the freedom to go wherever we needed to, unafraid and straightforwardly.

We have learned in this past year about our own mortality, about how lightly life is worn and how easily it can fall from us. Some of us have experienced great illness and recovered, some of us are continuing to suffer; some of us have watched a loved one suffer without being able to be close to them, or are living with the knowledge that they died alone, comforted not by their family or friends, but by caring strangers.

As we remember those whose lives were cruelly cut short by this virus, our feelings flow and change, overcome and recede. We are cut off from the comforts of being with each other, from the squeezing of hands and the sharing of glances, from the rituals of saying a proper goodbye.

But while each of us may mourn alone, we also share our grief. The lonely path we are walking is being trodden by so many others. Walking alongside us, even if we do not see and cannot touch them, we are remembering and grieving together. People across the world – and close to home – are sharing the journey. Reach out, help and loving support is closer than you think.

https://rabbisylviarothschild.com/2021/03/23/23rd-march-a-national-day-of-reflection-on-the- anniversary-of-the-uk-lockdown-and-we-remember-all-those-who-lost-their-lives-to-covid-19/

mar, 24 maggio 2022 23 Iyàr 5782