Sign In Forgot Password

RINNOVAMENTO

23/09/2022 04:14:45 PM

Sep23

di rav Sylvia Rothschild

Immagino che di tanto in tanto tutti noi ci chiediamo come siamo arrivati qui: tutte le coincidenze casuali e le improbabilità statistiche che hanno fatto sì che i nostri antenati si incontrassero e generassero figli; tutte le guerre, le migrazioni e gli sconvolgimenti sociali che avrebbero potuto cambiare così facilmente le nostre storie. Anche nella storia più recente della mia famiglia, se i genitori di mia madre non fossero fuggiti dall'oppressione dell'Impero russo e se mio padre non fosse stato mandato da giovane adolescente a fuggire dalla Germania di Hitler - finendo entrambi casualmente nella stessa città del nord - io non sarei mai nata. 

E se vado più indietro nel tempo, scopro che nel mio albero genealogico ci sono personaggi che hanno combattuto duramente contro l'ebraismo che mi dà la mia identità e la mia passione - l'ebraismo riformato -. Il mio trisavolo Levi Yehudah Spanier, presidente della sinagoga (ortodossa) Beth El di Albany, New York, all'inizio era molto amico del suo rabbino, il dottor Isaac Mayer Wise, ma finì in una serie di accese e violente dispute sulle tendenze riformate del dottor Wise, al punto che alla fine licenziò il dottor Wise dal suo incarico di rabbino della comunità con effetto dal 6 settembre 1850, lo shabbat del giorno precedente Rosh Hashanah. Il dottor Wise rifiutò di accettare il licenziamento e si presentò in sinagoga il giorno di Rosh Hashanah. Ecco la sua descrizione di ciò che accadde in seguito:

"Tutto era silenzioso come una tomba, Infine, il coro intona il grande Ein Kamochadi Sulzer. Al termine del canto, mi avvicino all'arca per estrarre, come di consueto, i rotoli della legge e per offrire la preghiera. Spanier si mette sulla mia strada e, senza dire una parola, mi colpisce con un pugno che mi fa cadere il cappello dalla testa. Questo fu il terribile segnale di un tumulto che non avevo mai sperimentato. I presenti si comportarono come una furia. Era come se la sinagoga fosse improvvisamente esplosa in una fiammeggiante conflagrazione". 

La rissa fu così forte che fu chiamato lo sceriffo, il quale fece sgomberare la sinagoga, chiuse le porte e prese le chiavi. Questa fu la fine della posizione di Wise al Tempio Beth-El e l'inizio del Movimento di Riforma negli Stati Uniti, con le sue numerose sinagoghe, il Collegio Rabbinico HUC, la Conferenza Centrale dei Rabbini Progressisti e l'affermazione dell'Ebraismo Riformato come espressione ebraica maggioritaria negli Stati Uniti.

Così il mio trisavolo, nel suo desiderio di far finire l'ebraismo riformato, ne ha invece accelerato la crescita, e periodicamente mi chiedo cosa avrebbe pensato delle scelte dei suoi discendenti di diventare rabbini riformati.
Poi c'è Moshe Sofer-Schreiber, mio lontano cugino. Più conosciuto come Chatam Sofer, è talvolta descritto come il padre dell'Ortodossia e il flagello dell'Ebraismo Riformato. Nato a Francoforte nel 1762, fu uno studioso di spicco in diverse prestigiose yeshivot. Tuttavia, il suo pensiero non fu sempre così accettabile per il mondo ebraico. In gioventù fu profondamente legato a Natan Adler, un cabalista i cui seguaci praticavano la nuovissima forma di ebraismo nota come Chasidut. Il gruppo era noto per le sue tendenze religiose rivoluzionarie: pregavano la liturgia sefardita pur essendo ashkenaziti, indossavano i tefillin secondo l'usanza di Rabbenu Tam, formavano e pregavano in minyanim separati e indipendenti, seguendo generalmente usanze chassidiche di cui nessuno aveva mai sentito parlare prima. Il mondo ebraico ashkenazita, a cui appartenevano, non era contento di vedere tali cambiamenti nei costumi e nelle tradizioni e iniziò a perseguitare Rabbi Adler e i suoi seguaci. Alcuni rabbini di spicco scrissero infatti attaccando la "nuova setta" che, a loro dire, "con grande superbia nel cuore non si è curata delle usanze del popolo ebraico, di una Torah fissata dall'antichità secondo i nostri antenati z "l e le ha cambiate con la crudezza dei loro spiriti". L’establishment ebraico li identificò come un fenomeno pericoloso, simile al sabbateismo.
In un pamphlet intitolato ‘Un atto di inganno’, pubblicato a Francoforte nel 1789, il rabbino Nathan Adler e i suoi accoliti vennero accusati di voler "distruggere le fondamenta dei nostri costumi, tagliare le radici della nostra tradizione ricevuta, costruire nuove maniere [...] e nella loro audacia gallica, si sono fatti beffe dei nostri santi padri, e rinnegano coloro che portano la tradizione ricevuta, e i saggi che hanno fondato i nostri buoni costumi sono per loro come cavallette ".
Questa furia conservatrice portò alla scomunica del rabbino Adler. Espulso da Francoforte (1782), vagò per le comunità tedesche subendo ripetuti attacchi. Rimase scomunicato fino a due settimane prima della sua morte. Nelle sue peregrinazioni era accompagnato dal suo giovane studente, Moshe Schreiber, che sarebbe diventato noto come il Chatam Sofer.
Quello che stava accadendo nel mondo ebraico - sia tra i Mitnagdim che tra i Chassidim, con le figure imponenti del Gaon di Vilna e del Baal Shem Tov - erano considerate semplicemente posizioni che non avevano rispetto per l'opinione prevalente per cui "facciamo così perché è sempre stato fatto così". Erano pronti a cambiare la pratica dell'ebraismo, a introdurre nuove usanze, a leggere il testo in modi diversi e più moderni, a correggere le abitudini e le idee sbagliate che si erano radicate tra gli ebrei comuni.
Sarebbe esagerato dire che le basi della riforma ebraica siano state gettate da queste figure, ma il contesto in cui l'ebraismo di riforma si è sviluppato è importante. Una volta che il genio che sfidava il "fare sempre quello che si è sempre fatto" e a non permettere l'innovazione era uscito dalla bottiglia, era impossibile farlo rientrare. Mio cugino Moshe Schreiber lo scoprì mentre cresceva la sua autorevolezza come halakhista e si univa di fatto all’establishment e sembra che, con l'avanzare dell'età, la crescita del desiderio di modernità nell'ebraismo, che stava portando all’interno dell’ebraismo a un desiderio di riforma, lo abbia allarmato. Sembra che sfidare l’immobilismo e l'abitudine poteva essere accettabile se fatto dal rabbino Adler, ma quando la nuova generazione scelse di spingersi più duramente e più ampiamente, alla ricerca di spiegazioni razionali e di un insieme di comportamenti meno gravosi, egli apparentemente ripudiò le sue precedenti espressioni dell'ebraismo.
La sua innovazione più nota fu quella di insistere sul primato della consuetudine di una comunità rispetto alle argomentazioni halachiche. Sosteneva che la consuetudine di una comunità avesse la stessa importanza nella halacha di una promessa, di un impegno - e nella Torah il divieto di infrangere un voto è assoluto. Sapeva esattamente cosa stava facendo con questo passo straordinario. Rispondendo a una domanda halachica di uno studente, scrisse: "Ho parlato a lungo di questo perché, come risultato dei nostri molti peccati, i senza legge nella nostra nazione sono ora cresciuti di numero. Essi presentano una visione falsa, ridicolizzando il secondo giorno di Yom Tov, che è solo un'usanza. Non vogliono seguire le orme dei Saggi di Israele; parlano contro la loro stessa vita; non sanno e non capiscono; camminano nelle tenebre". (Responsa Chatam Sofer I, OC, n. 145)

Nel periodo pre-moderno, la consuetudine era vista come un concorrente della halacha scritta; era una ‘fonte esterna’ che a volte contraddiceva apertamente la halacha. L'’hiddush’ (nuovo insegnamento) del Chatam Sofer fu quindi un punto di svolta nella storia della halacha. Identificando la consuetudine come l'ultimo rivale della modernità e del dibattito razionale, egli ne accrebbe deliberatamente l'importanza, trasformandola in una potente arma contro la Haskalah - l'Illuminismo, che si basava sulla ragione. Non solo reinventò lo status della consuetudine, ma cambiò completamente il processo della halacha, perché ora la halacha seguiva la consuetudine anziché il contrario.
Ci sono stati altri rabbini che hanno elevato lo status della consuetudine comunitaria (ad esempio Yitzchak Alfasi, Asher ben Yechiel), ma lo hanno fatto sulla base dell'idea che gli insegnamenti orali di una comunità dovevano essere rispettati in quanto provenienti da un'epoca precedente della halacha. Il Chatam Sofer non fece così, ma basò il suo punto di vista su un legame del tutto nuovo che egli stesso aveva creato tra le usanze locali e i voti biblici.
Il Sofer Chatam creò quella che può essere definita una ‘rivoluzione conservatrice’. Perché? Perché non poteva accettare il nascente ebraismo riformato che si stava affermando intorno a lui nell'Europa illuminista. Un ebraismo di riforma che metteva in discussione usanze gravose come i due giorni di festa in diaspora e che chiedeva di dare una motivazione che andasse oltre l'imperativo emotivo del "i nostri antenati facevano così" o del mantenimento dello status quo. L'ebraismo riformato non nacque tanto dalle sfide mitnagdik o chasidiche all'"ebraismo normativo", quanto dal desiderio di portare il pensiero illuminista nell'ebraismo - ciò che oggi potremmo chiamare "scelta informata", per basare le nostre pratiche sulla ragione e sul pensiero piuttosto che sui precedenti storici o sulle parole dei saggi precedenti. E così introdusse la sua "riforma" o "rinnovamento", ironicamente per cercare di impedire che si realizzasse qualsiasi altra riforma o rinnovamento.
Il principio del Chatam Sofer come halakhista è riassunto nella sua affermazione "He'Chadash assur min HaTorah", che letteralmente significa "Il nuovo è proibito dalla Torah". Si trattava di un gioco di parole che prendeva spunto da un versetto biblico che proibiva di mangiare il grano nuovo (Chadash) fino a quando l'offerta dell'Omer non fosse stata fatta il secondo giorno di Pesach. Con questo gioco di parole si è posto il punto di partenza per quella che in seguito sarebbe stata definita "ortodossia".
Per generazioni l'ebraismo era riuscito a mantenere il suo dinamismo e la sua adattabilità alle circostanze e al contesto in cui si trovava. Solo con l'emergere dell'ebraismo modernista, influenzato dalla filosofia illuminista e dal pensiero scientifico, i tradizionalisti si sentirono così minacciati da fare qualcosa di assolutamente radicale, cercando di chiudere questo dinamismo. Eppure, paradossalmente, il Chatam Sofer puntava sull'innovazione. Nella sua battaglia contro Spinoza, che sosteneva che la Bibbia dovesse essere studiata come un documento umano, Sofer scrisse che così facendo avrebbe negato tutti gli "hiddushim" - nuove comprensioni - che si sarebbero potuti creare se fosse stata studiata come un documento divino, a più strati e con significati nascosti. Mentre il nome Sofer è la traduzione diretta del suo nome "Schreiber", "Chatam" è l'acronimo di "Hiddushei Torat Moshe" - "Nuove intuizioni della Torah di Mosè" (anche se potrebbe anche riferirsi a una parte particolarmente opaca dell'ultima profezia nel libro di Daniele (Taci le parole e sigilla il libro" (Stom ha'devarim va'chatom ha'sefer) Daniele 12:4).
Quando penso ai miei illustri antenati e al loro rigoroso desiderio di proteggere un ebraismo tradizionalista che significava fare le cose come erano sempre state fatte, provo una certa simpatia. In un mondo di grandi cambiamenti, la tentazione di appellarsi alla tradizione per avere stabilità e certezza e di unificarsi dietro norme condivise è altrettanto grande. Tuttavia, sono grata che non abbiano portato avanti l'argomento e che invece i modernizzatori dell'ebraismo abbiano prosperato accanto ai tradizionalisti. Perché l'ebraismo classico ha sempre operato secondo questa dinamica: l'antico viene onorato e custodito e allo stesso tempo rinnovato.

Noi diciamo in yotzer  וּבְטוּבוֹ מְחַדֵּשׁ בְּכָל יוֹם תָּמִיד מַעֲשֵׂה בְרֵאשִׁית Che Dio nella bontà divina rinnova ogni giorno le opere della creazione. La nostra liturgia parla di un continuo rinnovamento - Dio è descritto come colui che "per misericordia dà luce alla terra e a coloro che la abitano" - il primo atto creativo che si ripete ogni mattina grazie alla misericordia e alla bontà di Dio. La creazione si rinnova continuamente, quindi anche noi, in quanto parte della creazione, possiamo rinnovarci. Questo grazie alla bontà e alla misericordia di Dio nei nostri confronti. Non dobbiamo rimanere bloccati in comportamenti che non ci giovano o che sono semplicemente abitudinari e privi di significato: possiamo, anzi dobbiamo, rinnovare non solo noi stessi, ma anche il nostro mondo.
La parola ebraica che indica l'anno è "Shanah" e ogni Rosh HaShanah, ogni inizio d'anno, è un invito e un'opportunità per il nostro rinnovamento. La radice della parola Shanah significa sia ripetere (come il numero due) sia cambiare. Cosa faremo quest'anno? Ripetere quello che abbiamo sempre fatto o cambiare e rinnovare noi stessi e la nostra vita? La realtà è probabilmente una via di mezzo, in quanto siamo in tensione tra il comodo "business as usual" e il timoroso desiderio di cambiare alcuni aspetti di noi stessi e della nostra vita.
Viviamo la nostra vita ripetendo molte delle nostre abitudini e apportando piccoli cambiamenti incrementali. Il tempo ebraico non è circolare ma a spirale: ci ritroviamo a Rosh Hashanah, ma non siamo la stessa persona dell'anno scorso. Se tutto va bene, lentamente ci ritroviamo cambiati - non drasticamente diversi, ma una versione rinnovata di noi stessi. Abbiamo un Lev Chadash, una nuova direzione e un nuovo cuore all'interno della persona che siamo sempre stati. Questa è la bellezza dell'anno ebraico e della tradizione del rinnovamento al suo interno.
Rav Kook ha scritto "Il vecchio sarà rinnovato e il nuovo sarà reso santo". Fa parte della sua esplorazione sull'osservazione dell'anno Shmita in Terra d'Israele, ma è vero per ogni aspetto dell'ebraismo.
Questa è la sfida che ci viene posta oggi - e ogni giorno. Ci viene chiesto di rinnovarci e di santificarci. Ci viene ricordato che Dio rinnova la creazione ogni giorno grazie alla misericordia e alla bontà divina, e che possiamo accettare questa misericordia e rinnovare anche il nostro essere, ripetendo e cambiando, passo dopo passo, evolvendo il nostro essere ebrei mentre troviamo i nostri hiddushei Torat Moshe - nuovi significati nell'antico testo che non cambia mai.
Il profeta Ezechiele ci ricorda la promessa di Dio di darci un cuore nuovo e uno spirito nuovo... e voi sarete il mio popolo e io sarò il vostro Dio.

וְנָתַתִּי לָכֶם לֵב חָדָשׁ, וְרוּחַ חֲדָשָׁה אֶתֵּן בְּקִרְבְּכֶם

וִהְיִיתֶם לִי, לְעָם, וְאָנֹכִי, אֶהְיֶה לָכֶם לֵאלֹהִים…………
È il momento di rinnovarsi, di tornare e di fare i cambiamenti che ci permetteranno di mantenere questa promessa. Perché, come disse Hillel, se non ora, quando?

lun, 3 ottobre 2022 8 Tishrì 5783