Sign In Forgot Password

Lev Chadash

L'UCEI (Unione delle Comunità Ebraiche Italiane) ha attivato un conto corrente speciale per raccogliere fondi da devolvere alle vittime del terremoto che ha colpito il Centro Italia nei giorni scorsi. Sproniamo i nostri iscritti e sostenitori a donare generosamente.

Intestatario: UCEI

IBAN:  IT42B0200805205000103538743 

Causale: offerta per emergenza terremoto 240816

Le attività della sinagoga riprenderanno con Shabbat Reè, sabato 3 settembre alle 10.00.

A Lev Chadash ci stiamo organizzando per la Giornata Europea della Cultura Ebraica 2016, che avrà come tema: Lingue e Dialetti Ebraici.

Volete condividere con noi e il pubblico i ricordi e gli aneddoti del vostro lessico familiare?  Che siano in italiano, in ebraico, o ladino, yiddish, inglese, giudaico romanesco, bagitto, francese, spagnolo, russo, turco, veneziano etc etc. va tutto bene!

Abbiamo un solo vincolo che è quello del tempo, riuscite a inviarci le vostre testimonianze entro fine agosto a cultura@levchadash.it

Prossimi eventi

 

BENVENUTI A LEV CHADASH

 

PERCHE' LEV CHADASH?
PERCHE' UNA SINAGOGA PROGRESSIVE IN ITALIA? 

 

 

Perché l’ebraismo è movimento, una civilizzazione e una tradizione che abbiamo ricevuto per farla vivere nel presente e trasmetterla al futuro.

 

Perché perché pensiamo che l'ebraismo e l'halakhà siano sistemi evolutivi. Lo sapevano già i nostri padri, che concepivano Dio come il Dio di Abramo, di Isacco e di Giacobbe: ogni generazione con un suo continuo ma differente rapporto col Divino. E Moshé stesso, trasportato - come racconta il Midràsh - nella generazione di Rabbi Akiva, trovò nell’ebraismo di quella generazione un modo nuovo, quasi irriconoscibile, di imparare ed insegnare la sua Torah. E ne fu sconcertato, prima di comprenderlo e capirlo nella sua continuità.

 

Perché il Talmud è studio, commento, interpretazione, applicazione e continuazione della Torà con elementi di innovazione. È un metodo e un processo che dobbiamo continuare, non un codice da cristallizzare.

 

Perché il pluralismo ebraico esiste oggi come è esistito nel passato e occorre riconoscerlo come un fatto positivo, una ricchezza, una caratteristica profondamente ebraica.

 

Perché crediamo che non si debba giudicare nessuno secondo il suo grado di osservanza, e crediamo alla trasmissione dell’amore per le mitzvòt come parte dell’amore per Israele e come ricerca del divino. Un quadro di riferimento all’interno del quale ognuno ha il compito di trovare una sua via personale, in libertà di coscienza.

Lev Chadash è affiliata alle due associazioni

dell'ebraismo progressivo mondiale: 

EUPJ e WUPJ       

                                                  

 

 

sab, 27 agosto 2016 23 Av 5776