IMPORTANTE DOCUMENTO SUI TRIBUNALI RABBINICI PROGRESSIVI IN EUROPA

A: Tutti i rabbini e presidenti dell’EUPJ
Da parte di:
• Rav Dr René Pfertzel, 
Presidente di ERA e consigliere Rabbinico dell’ European Union for Progressive Judaism
• Rav Dr Andrew Goldstein, 
presidente dell’ European Beit Din
• Rav Dr Jackie Tabick, 
rappresentante dell’European Beit Din

Data: 18 giugno 2018

Oggetto: Batè Din riconosciuti in Europa

L’European Rabbinic Assembly (l’assemblea rabbinica europea) della EUPJ (d’ora in poi ERA) è la voce dei rabbini progressivi in Europa, e ha il ruolo di sostenere i nostri rabbini e di mantenere loro, e i nostri tribunali rabbinici, ai più alti standard etici e professionali.
In considerazione di questo ruolo, ci aspettiamo che gli standard e il processo di conversione attraverso le sinagoghe siano costruiti su principi e credibilità condivisi, affinché le persone convertite in una sinagoga siano accettabili in qualsiasi altra delle nostre comunità e possano anche fare alyià.
Ci rivolgiamo a voi per spiegare e rendere chiari i requisiti richiesti in tutta Europa cosicché la conversione effettuata all’interno del nostro movimento sia considerata accogliente, accettabile e adeguata. La fiducia che opera all’interno delle comunità dell’EUPJ è particolarmente apprezzata nel lavoro dei nostri Batè Din e in come noi risolviamo questioni di Status. L’ERA ha quindi ora supervisione e autorità in modo da assicurare, attraverso i Batè Din, che questa fiducia continui ad essere meritata. 
Ci piacerebbe ricordarvi che ci sono Batè Din progressivi nazionali e regionali che operano in Europa, che fanno parte della famiglia EUPJ. Questi sono elencati sotto le firme a questa lettera.
Sotto l’egida dell’ERA, i territori di ogni Bet Din sono stati definiti come descritto di seguito. Soltanto l’European Bet Din può intervenire dove non ci sia ancora un Bet Din riconosciuto nel paese, o dove sia chiaro che il Bet Din di un paese non stia funzionando secondo i nostri standard condivisi. Mentre i Batè Din regionali e nazionali sono sotto la responsabilità delle loro assemblee rabbiniche costituenti. Il Bet Din Europeo opera sotto l’autorità dell’ERA trasversalmente su tutta l’Europa. 
A scanso di equivoci, l’ERA e su suo consiglio, l’EUPJ, hanno convenuto che i Batè Din Progressivi elencati a fondo pagina di questa lettera siano gli unici Batè Din dell’Ebraismo Progressivo che noi riconosciamo in Europa.
Siamo coscienti del fatto che “saltino fuori” Batè Din che chiamano se stessi “Batè Din Progressivi” e che alcune persone sono avvicinate ad essi - solitamente via internet – e in buona fede ricevono certificati di conversione che non è possibile siano riconosciuti validi secondo i nostri ERA/EUPJ standard, e quindi non sono validi per l’appartenenza alle nostre comunità nell’EUPJ. Questi certificati non sono accettati dalle autorità Israeliane, nel caso la persona volesse fare alyià. Spesso c’è pochissima connessione con una comunità o il Popolo Ebraico, apprendimento minimo etc…
Sappiamo che gli individui così "convertiti" potrebbero essere sinceri e non realizzare le conseguenze della ricerca di conversione al di fuori dei nostri Batè Din riconosciuti. Se un tale individuo si rivolgesse a voi per l'adesione, dovreste renderlo consapevole della sua situazione e anche informarlo che l'European Bet Din è lieto di parlare con lui e aiutarlo a convalidare la sua conversione che avrà quindi accettazione in tutto il mondo progressista.
In caso di domande, non esitate a contattare uno di noi all'indirizzo contact@eupj-ra.eu
Shalom,
• Rav Dr René Pfertzel, Presidente dell’ ERA e consigliere Rabbinico dell’ European Union for Progressive Judaism
• Rav Dr Andrew Goldstein, presidente dell’ European Beit Din
• Rav Dr Jackie Tabick, rappresentante dell’European Beit Din
I Batè Din progressivi attualmente riconosciuti dall’ERA e dall’EUPJ sono:
• Il Bet Din dell’Ebraismo Liberale (Regno Unito, Danimarca, Irlanda, Beit HaChidush, NL)
• Il Bet Din del Movimento per L’Ebraismo Reform (Gran Bretagna)
• Il Bet Din Tedesco (Germania)
• Il Bet Din dell’Unione Olandese per l’Ebraismo Progressivo (Olanda)
• Kerem, il Bet Din delle Comunità francesi e francofone (Francia, Lussemburgo, Belgio e Svizzera di lingua francese)
• Il Bet Din delle comunità progressive svizzero-tedesche e austriache (Svizzera di lingua tedesca e Austria)

Per tutte le altre zone, ha giurisdizione il Bet Din Europeo.

BENVENUTI A LEV CHADASH

 

PERCHE' LEV CHADASH?
PERCHE' UNA SINAGOGA PROGRESSIVE IN ITALIA? 

 

 

Perché l’ebraismo è movimento, una civilizzazione e una tradizione che abbiamo ricevuto per farla vivere nel presente e trasmetterla al futuro.

 

Perché perché pensiamo che l'ebraismo e l'halakhà siano sistemi evolutivi. Lo sapevano già i nostri padri, che concepivano Dio come il Dio di Abramo, di Isacco e di Giacobbe: ogni generazione con un suo continuo ma differente rapporto col Divino. E Moshé stesso, trasportato - come racconta il Midràsh - nella generazione di Rabbi Akiva, trovò nell’ebraismo di quella generazione un modo nuovo, quasi irriconoscibile, di imparare ed insegnare la sua Torah. E ne fu sconcertato, prima di comprenderlo e capirlo nella sua continuità.

 

Perché il Talmud è studio, commento, interpretazione, applicazione e continuazione della Torà con elementi di innovazione. È un metodo e un processo che dobbiamo continuare, non un codice da cristallizzare.

 

Perché il pluralismo ebraico esiste oggi come è esistito nel passato e occorre riconoscerlo come un fatto positivo, una ricchezza, una caratteristica profondamente ebraica.

 

Perché crediamo che non si debba giudicare nessuno secondo il suo grado di osservanza, e crediamo alla trasmissione dell’amore per le mitzvòt come parte dell’amore per Israele e come ricerca del divino. Un quadro di riferimento all’interno del quale ognuno ha il compito di trovare una sua via personale, in libertà di coscienza.

Lev Chadash è affiliata alle due associazioni

dell'ebraismo progressivo mondiale: 

EUPJ e WUPJ       

                                                  

 

 

dom, 24 giugno 2018 11 Tamùz 5778